Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Normativa Regolamenti di attuazione di normative statali Incentivazione dei professori e dei...
Dimensione del testo: A A A A

Albo on-line

Statuto, Codice Etico e regolamenti funzionamento organi

Regolamento generale di Ateneo e comitati vari

Regolamento Generale di Amministrazione Finanza e Contabilità e sue articolazioni

Regolamento Didattico d'Ateneo e mobilità studenti

Regolamenti di attuazione di normative statali

Regolamenti di Strutture

Regolamenti Scuole di Specializzazione

Regolamenti di Dipartimenti

Trasparenza amministrativa L. 241/90 e succ.

Atti di notifica

Incentivazione dei professori e dei ricercatori universitari di ruolo

emanato con D.R. n. 523 del 18 luglio 2002

Art. 1 - Oggetto



1. Il presente regolamento disciplina le modalità di erogazione a professori e ricercatori universitari di ruolo di compensi incentivanti l’impegno didattico, consistenti in un assegno aggiuntivo pensionabile, previsto dall’art. 24, comma sesto, del D. Lgs n. 29/1993 così come modificato e integrato dal D.Lgs n. 80/1998, e in applicazione dell’art. 4 della Legge n. 370/1999.
2. Il presente Regolamento definisce disposizioni integrative e applicative delle norme di Legge e si applica ai professori e ricercatori di ruolo dell’Università degli Studi di Udine, di seguito denominata "Università".

Art. 2 - Finalità



1. La disciplina delle procedure di erogazione al personale docente e ricercatore dell’Università prevista dal presente Regolamento persegue le seguenti finalità:
a) adeguamento quantitativo dell'offerta didattica;
b) miglioramento qualitativo dell'offerta formativa;
c) diversificazione dell'offerta didattica;
d) miglioramento del rapporto tra studenti e docenti;
e) diffusione di metodologie e tecnologie innovative nell'attività didattica;
f) incremento dell'impegno nelle attività di orientamento nel sistema scolastico;
g) miglioramento delle attività di tutorato;
h) attuazione di strumenti tendenti alla riduzione degli abbandoni.
2. Tali finalità rappresentano criterio di interpretazione e di applicazione delle norme del presente Regolamento.

Art. 3 - Presupposti per l'erogazione dei compensi incentivanti



1. I compensi incentivanti di cui alla L. n. 370/99 spettano ai docenti e ricercatori universitari che:
a) abbiano optato per il regime di impegno a tempo pieno e nel caso di personale universitario medico per l'attività intramuraria;
b) non svolgano attività didattica comunque retribuita in altre università o istituzioni pubbliche e private.

Art. 4 - Tipologia dei compensi



1. 1. I fondi destinati all'incentivazione dei docenti e ricercatori possono essere assegnati per:
a) almeno 120 ore annuali con attività didattica continua nel corso dell'anno accademico comprensiva di: lezioni, esercitazioni e seminari in tutti i corsi di studio compresi i corsi di dottorato e le attività universitarie nel campo della formazione continua, permanente e ricorrente. Inoltre i docenti dovranno assicurare ulteriori impegni orari per l'orientamento, l'assistenza e il tutorato, la programmazione, l'organizzazione didattica e l'accertamento dell'apprendimento. Nello specifico i docenti ed i ricercatori che intendono concorre per l'assegnazione dei compensi incentivanti devono :
- svolgere attività didattica applicando metodologie e tecnologie innovative più coerenti con le tipologie del corso;
- o provvedere all'inserimento degli studenti per attività di tirocinio presso le aziende e le istituzioni;
- o essere impegnati in attività di accertamento del profitto degli studenti per un numero di accertamenti superiore a quello medio del corso di studio interessato;
- o organizzare e attuare iniziative formative propedeutiche, integrative e di recupero;
- o svolgere attività di orientamento preuniversitario presso le istituzioni scolastiche del territorio e attività di orientamento postuniversitario presso le aziende e le istituzioni per la promozione dei profili professionali prodotti dall'Università;
- o svolgere accertate attività di tutorato a favore degli studenti iscritti, con particolare riguardo all'inserimento dei nuovi iscritti e all'assistenza agli studenti in difficoltà;
- o assumere incarichi formali di organizzazione delle attività didattiche, ricoprendo responsabilità di direzione e coordinamento di strutture e iniziative didattiche.
b) Progetti di miglioramento qualitativo della didattica predisposti e realizzati da gruppi di docenti e ricercatori con particolare riferimento all'innovazione metodologica e tecnologica e ad attività formative propedeutiche, integrate e di recupero, approvati dai rispettivi Consigli di Facoltà e presentati al Senato accademico con relazione finale.
2. I compensi di cui al precedente punto 1 sono condizionati ad un giudizio almeno sufficiente relativamente livello di soddisfazione globale dei corsi impartiti dai docenti richiedenti.

Art. 5 - Assegnazione dei compensi



1. I compensi sono deliberati dal Consiglio di Amministrazione, secondo criteri proposti del Nucleo di Valutazione e approvati dal Senato Accademico.
2. Gli importi e i criteri di assegnazione sono deliberati previa comunicazione, da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, della quota assegnata all’Università di cui all’art. 24, comma sesto, del D. Lgs. n. 29/1993 così come modificato e integrato dal D. Lgs. n. 80/1998 e dell’art. 4, comma primo, della Legge n. 370/1999.
3. Il fondo di cui al precedente comma secondo può essere integrato con risorse di bilancio, utilizzando anche le somme stanziate per la copertura di supplenze e affidamenti.

Art. 6 - Valutazione e controllo delle attività



1. L’effettivo svolgimento delle attività di cui al comma primo del precedente
art. 4 è verificato dal Nucleo di Valutazione sulla base di idonea documentazione definita in sede di deliberazione dei criteri e degli importi e di cui al comma primo del precedente art. 5.
2. L’effettivo raggiungimento degli obiettivi del progetto è determinato dal Nucleo di Valutazione.

Art. 7 - Pubblicità delle procedure



1. Le disposizioni e le priorità adottate dall’Università per l’erogazione dei compensi incentivanti sono rese pubbliche anche per via telematica.
2. I nominativi dei percettori dei compensi incentivanti sono resi pubblici anche per via telematica.

Art. 8 - Natura del presente regolamento



1. Il presente Regolamento ha natura di regolamento d’Ateneo secondo quanto previsto dall’art. 64 dello Statuto e dall’art. 68, comma primo, lettera c) del Regolamento generale d’Ateneo.

Art. 9 - Entrata in vigore



1. Le disposizioni del presente Regolamento entrano in vi\gore il giorno successivo a quello dell’emanazione del Decreto Rettorale.
Aggiornato il 28/06/2005
Credits