Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Normativa Regolamento Didattico d'Ateneo e mobilità studenti Mobilita' degli studenti all'estero
Dimensione del testo: A A A A

Albo on-line

Statuto, Codice Etico e regolamenti funzionamento organi

Regolamento generale di Ateneo e comitati vari

Regolamento Generale di Amministrazione Finanza e Contabilità e sue articolazioni

Regolamento Didattico d'Ateneo e mobilità studenti

Regolamenti di attuazione di normative statali

Regolamenti di Strutture

Regolamenti Scuole di Specializzazione

Regolamenti di Dipartimenti

Trasparenza amministrativa L. 241/90 e succ.

Atti di notifica

Mobilita' degli studenti all'estero

emanato con D.R. n. 680 del 07 agosto 1998

Art. 1 - Oggetto del Regolamento



1.Il presente Regolamento interno disciplina le procedure relative a periodi di studio all'estero, svolti da studenti iscritti all'Università di Udine, di seguito denominata "Università", nel quadro di programmi di mobilità studentesca promossi in ambito europeo (Socrates, Tempus ed altro), oppure di accordi convenzionali stipulati con Università estere.


2. Tali procedure riguardano la selezione delle candidature, l’autorizzazione a compiere il periodo di studio all'estero, nonché il riconoscimento accademico al termine del periodo stesso.

Art. 2 - Selezione delle candidature



1. Ogni anno il competente Ufficio dell’Amministrazione centrale, predispone un bando di concorso per la selezione degli studenti che intendono partecipare al programma di mobilità. Il bando di concorso è condizionato e contiene, per ogni programma di mobilità, il numero di borse richieste dall'Ateneo anche se non ancora accordate dall'organo finanziatore. Le domande degli studenti interessati dovranno essere presentate al competente Ufficio dell’Amministrazione centrale entro il termine di giorni 30 dal giorno successivo alla data di pubblicazione del bando agli albi ufficiali dell'Università degli Studi di Udine.


2. Per ciascun programma di mobilità viene nominata con decreto rettorale una Commissione, composta dal Delegato del Rettore per i programmi di mobilità studentesca, che la presiede, da due docenti ufficiali dell’Università e da un addetto del competente Ufficio dell’Amministrazione centrale con compiti di segretario verbalizzante.


3. Ad ogni programma di mobilità viene assegnato, secondo la graduatoria di cui al precedente comma, un numero di studenti pari al numero di posti effettivamente concesso dall’organo finanziatore in via definitiva.


4. La effettiva partecipazione dello studente al programma di mobilità è subordinata all'ottenimento dell'autorizzazione a compiere il periodo di studio all'estero secondo la procedura specificata nel successivo art. 3.

Art. 3 - Autorizzazione a compiere il periodo di studio all'estero



1. L'autorizzazione a compiere un periodo di studio all'estero è deliberata dalla struttura didattica di competenza (Facoltà, Corso di laurea, Corso di Diploma universitario o Consiglio di Scuola di Specializzazione o Collegio di Dottorato).


2. Lo studente risultato vincitore di borsa di mobilità è tenuto a presentare alla struttura didattica la richiesta di autorizzazione, corredata di norma, dal programma di studio proposto, vistato da un docente. Il Consiglio della struttura didattica è tenuto a esaminare la richiesta nella prima seduta utile. La delibera di autorizzazione, che dovrà indicare il periodo di studio all’estero e, di norma, il programma di studio, sarà trasmessa dalla Struttura all’Ufficio competente.


3. Le strutture didattiche hanno la facoltà di predisporre elenchi di corsi frequentabili presso le Università straniere per i quali l’autorizzazione preventiva può considerarsi automatica.


4. In caso di necessità e su esplicita richiesta dello studente la delibera di autorizzazione può avere effetto di modifica del piano di studio; in questo caso la delibera deve farne esplicita menzione.

Art. 4 - Riconoscimento accademico



1. Per ottenere il riconoscimento accademico degli studi compiuti all'estero, gli studenti interessati dovranno presentare alla propria struttura didattica un attestato ufficiale originale rilasciato dalla competente autorità accademica dell'università estera, contenente i seguenti elementi:

a) indicazione dei singoli corsi frequentati, specificandone durata, tipologia di attività ed eventuale numero di crediti o di ore;

b) menzione di ciascun esame sostenuto, con data e votazione ottenuta.

Qualora l'attestato originale non sia redatto in lingua europea di grande comunicazione, la struttura didattica ne curerà la traduzione.


2. La struttura delibera il riconoscimento accademico degli studi compiuti all’estero. Ai fini del riconoscimento delle votazioni riportate in prove d’esame sostenute all’estero, la delibera deve indicare, per ciascun esame, una votazione secondo il sistema in vigore presso l’Università di Udine. Le strutture hanno la facoltà di predisporre tabelle uffciali di conversione delle votazioni, ove è possibile adeguandosi alle indicazioni del sistema europeo di trasferimento dei crediti (ECTS).


3. La struttura invia alla Ripartizione didattica o alla Ripartizione ricerca, per gli adempimenti di competenza, la delibera del riconoscimento accademico del periodo e degli esami sostenuti all'estero e la documentazione originale rilasciata dall'Università straniera.


4. Lo studente dovrà consegnare al competente Ufficio dell’Amministrazione centrale l’attestato di frequenza relativo all’attività svolta all’estero.

Art. 5 - Richiamo alla normativa vigente



1. Per quanto non previsto dal presente regolamento valgono le norme di legge, statutarie e dei Regolamenti generali di Ateneo.

Art. 6 - Natura del presente Regolamento



1. Il presente Regolamento ha la natura di Regolamento interno d'Ateneo previsto dall'art.. 64 comma 5 dello statuto.

Aggiornato il 25/09/2006
Credits