Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Poli didattici Polo economico-giuridico - Economia Economia e amministrazione delle imprese
Dimensione del testo: A A A A

Scuola Superiore dell'Università

Dopo la triennale

Formazione degli insegnanti

Tasse e Contributi Studenti

Corsi singoli

Sistema Bibliotecario d'Ateneo

Strutture speciali

Centri di servizio

Centro Polifunzionale di Pordenone

Centro Polifunzionale di Gorizia

Rapporti con Istituti scolastici superiori

La valutazione della didattica

Economia e amministrazione delle imprese, cl. 17 (laurea (ex DM 509/99)) English version

Durata Crediti Sede
3 anni 180 credits Udine
Pordenone - Non attivato a Pordenone dall'a.a. 2005-06
Per orari delle lezioni, materiale didattico, iscrizioni ad anni superiori al primo, trasferimenti o passaggi ad altro corso, interruzione degli studi e calendario esami di laurea, le informazioni sono disponibili all'indirizzo: https://next.uniud.it/it/didattica/corsi-studenti-iscritti/triennali/economia-aziendale

Finalità

Il Corso di laurea in Economia e amministrazione delle imprese è un corso di studi a elevati contenuti aziendalistici che ha i seguenti obiettivi formativi specifici:
  • fornire i principi fondamentali della teoria dell’azienda;
  • sviluppare i principi economico-aziendali e le metodologie di misu­razione e di governo delle fondamentali quantità di azienda;
  • precisare i modelli e gli strumenti di analisi per affrontare con spiri­to critico i problemi di governo economico dell’azienda.
Coerentemente con tali obiettivi, il Corso prevede:
  • lo studio dell’Economia aziendale, con particolare attenzione agli strumenti concettuali per analizzare con rigore di metodo le condi­zioni di funzionalità, la complessità e la dinamica realtà delle azien­de;
  • l’approfondita conoscenza dei principi e delle logiche di formazio­ne dei bilanci interni e l’utilizzo del potenziale informativo ricavato dal modello del bilancio di esercizio per indagare, attraverso diffe­renti tecniche di analisi, i risultati dell’attività economica sotto l’aspetto economico, finanziario e patrimoniale;
  • l’acquisizione dei principi e dei criteri di formazione e di rappresen­tazione dei bilanci pubblici di singole aziende e gruppi aziendali e gli altri aspetti della funzione amministrativa volti all’informativa societaria, al controllo interno e allo studio sulle condizioni di svi­luppo delle aziende;
  • l’acquisizione dei metodi di determinazione quantitativa per le deci­sioni strategiche e operative e il controllo di gestione, attraverso i quali il management finanziario, e in particolare la funzione del con­troller, può favorire l’attività direzionale e sviluppare un adeguato processo di guida per il governo dell’equilibrio economico e mone­tario dell’azienda.
 

Ordinamento e organizzazione degli studi

Nel corso dei primi due anni di studio sono previste le discipline di base comuni a tutti i corsi di laurea della Facoltà (matematica generale, economia aziendale, ragioneria, economia e gestione delle imprese, microeconomia, statistica, diritto privato generale e dei con­tratti, storia economica, tecnica degli strumenti finanziari, finanza aziendale). Con il secondo e, in particolare, con il terzo anno di corso, il percorso di studi si differenzia dagli altri corsi di classe aziendale, con gli insegnamenti di ragioneria 2 e 3, programmazione e controllo, diritto commerciale, diritto tributario, diritto del lavoro, storia dell’industria.     

 

Sbocchi professionali

In generale, il Corso di laurea è orientato a formare figure professionali destinate alle attività gestionali delle imprese, sia in senso stretto, con le funzioni di amministrazione, controllo, finanza, sia in senso più ampio includendo aspetti organizzativi e manageriali. Il laureato in Economia e amministrazione delle imprese potrà trovare frequente­mente impiego nelle piccole e medie realtà imprenditoriali del tessu­to locale che necessitano di figure adeguatamente formate. Potrà infatti operare nelle diverse fasi dell’amministrazione d’impresa, sia come figura professionale interna, sia che come consulente esterno. Particolarmente attraente può apparire la libera professione, in parti­colare in qualità di consulente d’impresa nelle aree dell’amministrazione, controllo e finanza e nelle aree del diritto commerciale, tributa­rio e del lavoro, tutti ruoli significativi in un tessuto di piccole e medie imprese come quello locale.  
 
 

 

Aggiornato il 30/07/2014

Credits