Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Poli didattici Polo scientifico - Ingegneria e Architettura Ingegneria elettronica
Dimensione del testo: A A A A

Scuola Superiore dell'Università

Dopo la triennale

Formazione degli insegnanti

Tasse e Contributi Studenti

Corsi singoli

Sistema Bibliotecario d'Ateneo

Strutture speciali

Centri di servizio

Centro Polifunzionale di Pordenone

Centro Polifunzionale di Gorizia

Rapporti con Istituti scolastici superiori

La valutazione della didattica

Ingegneria elettronica, cl. 32/S (laurea specialistica (ex DM 509/99)) English version

Durata Crediti Sede
2 anni 120 credits Udine

 

Finalità del corso


I laureati nei corsi di laurea specialistica della classe dell’Ingegneria elettronica devono: 

  • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell’ingegneria;
  • conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell’ingegneria, in generale nell’ambito dell’ingegneria elettronica, ed in modo maggiormente approfondito nell’ambito dell’ingegneria dell’automazione e dell’elettronica industriale e di potenza, all’interno della quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati, o proponendo soluzioni originali ed innovative;
  • essere capaci di ideare, pianificare, progettare e gestire sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi;
  • essere capaci di progettare e gestire esperimenti, anche di elevata complessità, partendo da un approccio interdisciplinare ed interpretando i dati in virtù di conoscenze di contesto e di capacità trasversali;
  • essere capaci di comprendere l’impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale contemporaneo;
  • conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche; 
  • conoscere i contesti aziendali e la cultura d’impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi contemporanei;
  •  avere capacità relazionali e decisionali; 
  • capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell’Unione Europea, oltre l’italiano, con riferimento anche ai lessici interdisciplinari; 
  • possedere gli strumenti cognitivi di base per l’aggiornamento continuo delle proprie conoscenze.


I laureati specialisti della classe saranno in grado di svolgere attività professionali in diversi ambiti, quali la progettazione avanzata, la pianificazione, progettazione, gestione ed organizzazione di sistemi complessi, sia nella libera professione sia nelle imprese manifatturiere e di servizi, nelle piccole e medie imprese e nelle amministrazioni pubbliche. 

Sbocchi occupazionali


Le cognizioni acquisite sono funzionali all’inserimento dei laureati negli ambiti professionali tipici per i laureati in Ingegneria elettronica e, specificamente, in quelli della progettazione avanzata, della pianificazione, programmazione e gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione, sia nelle imprese manifatturiere o di servizi e nelle amministrazioni pubbliche.
Gli sbocchi occupazionali tipici dei laureati specialisti in Ingegneria Elettronica sono individuabili nelle imprese di progettazione e produzione di dispositivi, componenti, apparati e sistemi elettronici ed optoelettronici e nelle industrie manifatturiere, nei settori delle aziende, imprese di servizi e amministrazioni pubbliche che applicano tecnologie e infrastrutture elettroniche per il trattamento, la trasmissione e l’impiego di segnali sia in ambito civile che industriale. In particolare i laureati specialisti in Elettronica, trovano il loro inserimento nelle imprese di progettazione, manifatturiere e di gestione, in enti normativi e di controllo, nelle realtà industriali impegnate nella produzione di hardware e software per l’automazione industriale, per la robotica e il controllo, per le telecomunicazioni e il tele–rilevamento terrestre o spaziale, nelle imprese operanti nell’area dei sistemi informativi, delle reti di calcolatori e dei servizi informatici. 

Aggiornato il 08/07/2011

Credits