Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Poli didattici Polo umanistico e della formazione / Lingue e Letterature Straniere Mediazione culturale - Lingue dell'Europa...
Dimensione del testo: A A A A

Scuola Superiore dell'Università

Dopo la triennale

Formazione degli insegnanti

Tasse e Contributi Studenti

Corsi singoli

Sistema Bibliotecario d'Ateneo

Strutture speciali

Centri di servizio

Centro Polifunzionale di Pordenone

Centro Polifunzionale di Gorizia

Rapporti con Istituti scolastici superiori

La valutazione della didattica

Mediazione culturale - Lingue dell'Europa centrale e orientale, cl. 3 (laurea (ex DM 509/99))

Durata Crediti Sede
3 anni 180 credits Udine

Caratteristiche e finalità del corso

 

Il corso di laurea in Mediazione culturale. Lingue dell’Europa centrale e orientale, di recente attivazione e unico in Italia per profilo e obiettivi formativi, si inserisce nella Classe di laurea di primo livello 3 - Scienze della mediazione linguistica. Il corso prevede lo studio di due lingue fondamentali scelte tra ceco, polacco, romeno, russo, serbo e croato, sloveno, tedesco e ungherese, e di una terza lingua, scelta fra tutte quelle insegnate presso la facoltà.
Il corso ha come obiettivo la formazione di una figura professionale che operi nel campo della mediazione non soltanto linguistica, ma culturale in senso lato, orientandosi con competenza nella realtà dei paesi dell’Europa centrale e orientale. I laureati avranno solide competenze linguistiche e traduttorie, e inoltre conoscenze di carattere letterario, storico-istituzionale, sociale e della comunicazione, con nozioni di economia e di diritto. 

Sbocchi professionali

 

I laureati potranno inserirsi in tutte quelle attività pubbliche e private, a carattere istituzionale e imprenditoriale, che prevedono rapporti con i numerosi paesi appartenenti a quella vasta area geografica che dall’Austria e dalla Germania si estende fino alla Russia e ai Balcani. Si tratta di un’area con la quale l’interscambio culturale, commerciale e industriale si sta sviluppando in modo costante.
La figura professionale del laureato in Mediazione culturale. Lingue dell’Europa Centrale e Orientale è necessaria nella nuova Unione Europea che comprende Polonia, Repubblica Ceca, Slovenia e Ungheria. I campi di attività possono essere consulenza o collaborazione con aziende (produttive, commerciali e di intermediazione), nonché con fondazioni, organismi e istituzioni comunitarie che abbiano l’esigenza di stabilire e mantenere relazioni di diversa natura con i paesi dell’area in questione, con rappresentanze diplomatiche e consolari, con istituti di cultura italiana all’estero. L’attività di traduttore può inoltre trovare applicazione nel campo dell’editoria, del giornalismo, della pubblicistica e del turismo.

Aggiornato il 26/05/2011

Credits