Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Poli didattici Polo Medico Biotecnologie sanitarie
Dimensione del testo: A A A A

Scuola Superiore dell'Università

Dopo la triennale

Formazione degli insegnanti

Tasse e Contributi Studenti

Corsi singoli

Sistema Bibliotecario d'Ateneo

Strutture speciali

Centri di servizio

Centro Polifunzionale di Pordenone

Centro Polifunzionale di Gorizia

Rapporti con Istituti scolastici superiori

La valutazione della didattica

Biotecnologie sanitarie , cl. LM- 9 (laurea magistrale (ex DM 270/04))

Durata Crediti Sede
2 anni 120 credits Udine

 

Finalità del corso
 
I laureati magistrali del corso in Biotecnologie sanitarie devono:
·         possedere una conoscenza approfondita degli aspetti genetici, biochimici, delle cellule e tessuti umani in relazione ai principali processi proliferativi, differenziativi e morfogenetici;
·         conoscere i fondamenti morfostrutturali, biochimici e fisiopatologici dei processi morbosi a livello molecolare, cellulare e d’organo, con particolare riguardo agli ambiti di interesse della Medicina molecolare e rigenerativa e dell’ingegneria tissutale;
·         possedere conoscenze approfondite su struttura e funzione delle macromolecole biologiche e solide competenze sui metodi computazionali, bioinformatici e sperimentali necessari per la loro caratterizzazione, analisi e progettazione, con particolare riguardo agli approcci di genomica e proteomica;
·         conoscere le patologie di interesse medico e chirurgico, congenite o acquisite, nelle quali sia possibile intervenire con approccio biotecnologico, con particolare riguardo a quelle in cui è prevedibile lo sviluppo di tecnologie molecolari innovative e l’applicazione di cellule staminali;
·         conoscere e saper applicare le principali metodologie di identificazione, selezione e differenziazione di cellule staminali, finalizzate alla loro applicazione in tecniche di riparazione/ rigenerazione di vari organi/tessuti sia in modelli animali che nell’uomo;
·         partecipare alla progettazione e conoscere i principi di biocompatibilità, integrazione, degradazione biologica e le possibilità applicative dei biomateriali nelle diverse specialità medico-chirurgiche, con particolare riguardo a quelle di interesse della medicina molecolare e rigenerativa;
·         conoscere e sapere utilizzare le metodologie proprie delle biotecnologie cellulari, molecolari e di trasferimento genico al fine di identificare e validare bersagli terapeutici e approcci diagnostici innovativi per la medicina molecolare, l’oncologia e la medicina rigenerativa;
·         conoscere le metodologie in ambito cellulare e molecolare delle biotecnologie per la riproduzione, sia in campo sperimentale che clinico.
Il corso si articola in lezioni frontali, in seminari, in esercitazioni di laboratorio, in tirocini pratici e nell’elaborazione di una tesi sperimentale, che vede l’impegno diretto dello studente in un laboratorio di sua scelta, con la permanenza per un congruo periodo di tempo in una struttura altamente specializzata e qualificata dal punto di vista tecnico-scientifico, per la preparazione della prova finale.
Agli studenti verrà richiesto un coinvolgimento personale attraverso la predisposizione e presentazione di
brevi relazioni o progetti. Il percorso di studio prevede inoltre contatti con diverse componenti delle realtà operative biotecnologiche regionali attraverso la partecipazione a seminari e l’opportunità di effettuare tirocini, anche residenziali, in strutture del territorio.
 
Sbocchi occupazionali
 
I laureati specialisti in Biotecnologie sanitarie - Indirizzo medico potranno operare, con responsabilità e autonomia, in enti o centri di ricerca pubblica o privata e in aziende del settore biotecnologico/biomedico/farmaceutico con particolare riguardo a quelli che operano nel campo della Medicina molecolare e rigenerativa.
In particolare, potranno operare:
·         in industrie addette a ricerca, sviluppo e produzione di agenti terapeutici e diagnostici biotecnologici;
·         nel campo della biotecnologia della riproduzione e, d’intesa con il laureato specialista in Medicina e Chirurgia, presso Istituti di Ricerca ed Aziende sanitarie pubbliche o private, per disegnare ed applicare strategie diagnostiche e terapeutiche a base biotecnologica con particolare riguardo a quelle finalizzate alla rigenerazione di organi e tessuti.
I laureati magistrali della classe potranno dirigere laboratori a prevalente caratterizzazione biotecnologia e farmacologica e coordinare, anche a livello gestionale ed amministrativo, programmi di sviluppo e sorveglianza delle biotecnologie applicate in campo umano ed animale con particolare riguardo allo sviluppo di prodotti farmacologici e vaccini tenendo conto dei risvolti etici, tecnici, giuridici e di tutela ambientale.
Il corso prepara alle professioni di:
·         biologi
·         botanici
·         zoologi ed assimilati.
 
Equipollenza delle lauree specialistiche della classe 9/S e delle lauree magistrali della classe LM-9 ai titoli afferenti alle classi 6/S e LM-6
Aggiornato il 11/07/2012

Credits