Vai ai contenuti
Home page Università di Udine
Corsi di laurea Mappa del sito Dipartimenti URP Help desk Sistema bibliotecario Cercapersone Servizi informatici
Home Imprese Territorio Progetti speciali INTERVALUE
Dimensione del testo: A A A A

Ricerca per le imprese

Brevetti

Spin-off

Start cup

Start Cup Young

Progetti speciali

Rapporti con le scuole

INTERVALUE

Il progetto InterValue - Inter-regional cooperation for valorisation of research results - si propone di istituire un sistema internazionale che favorisca e supporti la collaborazione tra enti di ricerca e sistema industriale per la valorizzazione dei risultati della ricerca.

 

 SEE_colour_TCP.jpg 

Intervalue è un progetto cofinanziato dall'Unione Europea attraverso il South East Europe Transnational Cooperation Programme

   

 

Chi sono i partner di InterValue?

InterValue vede coinvolti 13 partner (università ed enti di ricerca) di 7 Paesi del Sud-Est Europa (Grecia, Italia, Bulgaria, Ungheria, Romania, Serbia e Repubblica di Macedonia). 

 partnership Intervalue.jpg

 

Quali sono gli obiettivi InterValue?

  • Diffondere la cultura della valorizzazione dei risultati della ricerca e stimolare la disseminazione della conoscenza;
  • potenziare i meccanismi esistenti di trasferimento tecnologico - in particolare nell’area SEE -, favorendo una costante interazione tra mondo della ricerca e quello industriale;
  • divulgare l’operato degli enti di ricerca e favorire la collaborazione con le PMI per l’individuazione di soluzioni a problemi tecnologici specifici;
  • sostenere la cooperazione inter-regionale per l'individuazione e la promozione dei risultati della ricerca valorizzabili in modo da incrementare l’interesse del sistema economico sui risultati stessi, favorendone la commercializzazione.

 

Quali sono le iniziative principali pensate per raggiungere gli obiettivi di InterValue?

  • La predisposizione di materiale divulgativo in materia di tutela della proprietà intellettuale;
  • la creazione di una “vetrina” di risultati della ricerca mediante la messa on line di un database che organizzi le informazioni relative ai trovati e ai gruppi di ricerca;
  • l’individuazione, mediante l'ausilio di esperti e professionisti, di percorsi di valorizzazione (exploitation) per i risultati della ricerca attraverso l'esame di stato dell’arte, fattibilità tecnica, mercato potenziale e opportunità di finanziamento;
  • l’organizzazione di brokerage event per la promozione dei risultati della ricerca e per favorire l’incontro tra ricercatori, imprenditori e potenziali investitori;
  • supporto nella fase di implementazione dei piani di exploitation e di negoziazione degli accordi di valorizzazione.

 

Quali sono i benefici che i ricercatori possono trarre aderendo a InterValue?

InterValue si propone di colmare il divario tra ricercatori, produttori, finanziatori e distributori, creando un dinamico meccanismo trans-nazionale che faciliti la valorizzazione dei risultati della ricerca.

Per i ricercatori/team di ricerca aderire al progetto  significa:

  • avvalersi di una significativa vetrina internazionale che dia visibilità ai propri trovati;
  • poter usufruire di azioni di sostegno finalizzate alla valorizzazione dei propri risultati e alla diffusione delle nuove tecnologie;
  • beneficiare del supporto di esperti per la definzione di piani di valorizzazione.

 

Come i ricercatori possono aderire a InterValue per promuovere e valorizzare i risultati della propria attività di ricerca?

Il primo passo che i ricercatori possono compiere è quello di compilare in inglese il “R&D Template” scaricabile cliccando qui e inviarlo a intervalue@uniud.it. Non è necessario che i ricercatori afferiscano all'Università di Udine.

Gli addetti provvederanno a valutare la compatibilità dei risultati descritti nei template con le finalità di InterValue e a caricare i relativi dati sul sito www.researchvalue.net, nella sezione "R&D Repository". In caso di necessità il personale contatterà direttamente il ricercatore per gli approfondimenti che dovessero rendersi necessari. Le schede saranno pubblicamente accessibili entro pochi giorni dal loro ricevimento.

In seguito verranno individuati i progetti più promettenti per i quali avviare il processo di analisi dettagliata e la definizione dei piani di exploitation con il coinvolgimento di esperti settoriali. Tra i progetti inseriti dall'Università di Udine, saranno approfonditi i principali aspetti (stato dell’arte, fattibilità tecnica, mercato, investimenti) relativi a 45 trovati. Tra questi, i quattro che riceveranno maggiore riscontro sul mercato verranno ulteriormente supportati nel processo di negoziazione per l’effettiva valorizzazione.

 

Quali dovrebbero essere le caratteristiche dei risultati della ricerca che possono beneficiare dei servizi offerti da InterValue? Quali sono i settori interessati?

I risultati della ricerca che possono essere beneficiari dei servizi di Intervalue

  • Devono appartenere ai seguenti settori: ICT, Energy o Food.
  • Devono essere potenzialmente trasferibili al sistema imprenditoriale e al mercato: per esempio, non sono considerati “risultati trasferibili” i dati ottenuti da una indagine sul consumo di mele in Friuli, ma potrebbe essere presa in considerazione una metodologia innovativa per la valutazione del consumo di frutta in aree geografiche definite.
  • Possono essere stati conseguiti su tutto il territorio nazionale anche al di fuori del mondo accademico.
  • Possono presentarsi a qualsiasi stadio di sviluppo.
  • Possono non essere già stati protetti mediante strumenti di tutela della proprietà intellettuale: durante la prima fase di divulgazione dei risultati, non vengono chiesti dati sensibili che potrebbero limitare le opportunità di tutela. Inoltre la partecipazione a Intervalue può rappresentare proprio l’occasione per valutare “se” e “come” tutelare i trovati.

 

  

Credits