Paesaggi sepolti e sommersi: Aquileia e il suo territorio dall’Eneolitico all’età del ferro

Descrizione

Il gruppo di ricerca in Preistoria e Protostoria dell’Università di Udine, con la direzione scientifica di Elisabetta Borgna e il coordinamento di Susi Corazza, ha in corso di realizzazione, in accordo con la Soprintendenza Archeologica del Friuli Venezia Giulia e avvalendosi di collaborazioni esterne e di sinergie interdipartimentali dell’ateneo (prof. Paolo Paronuzzi), un progetto pluriennale concernente lo studio di Aquileia e del suo territorio in età preistorica e protostorica. Nell’ambito di tale progetto sono previste diverse attività, tra le quali lo studio e l’edizione di materiali preistorici dalle collezioni del Museo Nazionale di Aquileia e da scavi pregressi della Soprintendenza, iniziative di ricognizione e scavo nei siti dell’età del bronzo e del ferro del territorio aquileiese, organizzazioni di attività didattiche e divulgative. A partire dal 2013 il progetto ha preso forma nello scavo (campagne 2013 e 2015, 2017) del villaggio protostorico in località Ca’ Baredi, presso il Canale Anfora, a SO di Aquileia in comune di Terzo di Aquileia, con l’intento di mettere a fuoco e di comprendere modi e tempi dell’occupazione di Aquileia prima di Aquileia. Attraverso un percorso multidisciplinare il progetto mira inoltre a ricostruire da un punto di vista di geografia antropica il paesaggio “sepolto” della bassa pianura friulana, con l'obiettivo di indagare gli aspetti culturali di epoca protostorica in relazione ai caratteri geomorfologici, pedologici, idrologici e in generale dei fattori ambientali che hanno inciso più a fondo nell’evoluzione del paesaggio nei secoli. Tra gli obiettivi primari è infine quello di integrare la storia della bassa pianura friulana con quella dell' alta pianura, terra di tumuli e castellieri che, grazie a una sistematica e continuativa attività di ricerca sul campo, ha ormai restituito una serie cospicua di dati utili alla composizione di un più ampio quadro a livello regionale Il progetto sulla protostoria aquileiese si sviluppa parallelamente a una serie di sottoprogetti riguardanti lo studio dei complessi di bronzi protostorici (ripostigli e materiali sporadici) attestanti dinamiche di approvvigionamento, circolazione e scambio a breve e lunga distanza nell’età del bronzo, studio cui si affianca l’analisi archeometrica in coll. con il Dip di Georisorse dell’Univeristà di Padova. I temi della ricerca pre-protostorica sono inoltre trattati anche in chiave di valorizzazione e divulgazione (apprestamento di schede didattiche su contesti protostorici in coll. con amministrazioni comunali; partecipazione a bando Italia-Croazia per allestimento di percorsi turistico-culturali transfrontalieri)

Linee di ricerca

  • indagine territoriale della preistoria regionale, comprendente la bassa pianura e il mondo dei tumuli e castellieri della media e alta pianura friulana, con particolare riferimento all’età del bronzo e all’età del ferro
  • studio delle dinamiche di approvvigionamento, circolazione e deposizione del metallo durante l’età del bronzo

Settori ERC

  • SH6 The Study of the Human Past: Archaeology and history
  • SH6_2 Classical archaeology, history of archaeology, social archeology

Etichette libere

  • Archeologia e territorio; castellieri; tumuli funerari; paesaggi antropici;
  • villaggi protostorici; sistemi di insediamento; età del bronzo;
  • relazioni tra Europa e Mediterraneo; connettività adriatica; ripostigli di bronzi;
  • circolazione e scambio del metallo;

Componenti

Elisabetta BORGNA
Susi CORAZZA
Categoria D - Area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati
 

In base alla circolare d'Amministrazione n. 33/1998 si responsabilizzano le persone in indirizzo a verificare la correttezza dei dati inseriti e ad effettuare le dovute comunicazioni di variazione alla Direzione Risorse Umane e Affari generali (DARU) per assicurare il costante aggiornamento dei dati nel tempo, trasmettendo (esclusivamente per posta elettronica) l'esito delle verifiche effettuate agli indirizzi di seguito riportati: