• BANNER AGRARIA 1024.svg

    Corso di laurea

    Scienze agrarie
INFORMAZIONI SU

Obiettivi e sbocchi professionali

Di seguito sono riportati gli obiettivi formativi specifici, gli sbocchi professionali e una breve descrizione del progetto formativo del corso di laurea in Scienze Agrarie (classe L-25) per un approfondimento consulta la sezione “Qualità della formazione” dal menu qui accanto.

I contenuti di questa pagina sono tratti dalla Scheda Unica Annuale del corso di studio che è il principale strumento conoscitivo delle caratteristiche e delle specificità del corso. La versione completa è disponibile sul sito https://www.universitaly.it/index.php/cercacorsi/universita 

Il Corso di Laurea in Scienze Agrarie forma professionisti con conoscenze nei settori della biologia vegetale, animale e della chimica, della coltivazione e protezione delle piante, dell'allevamento animale, dell'ingegneria agraria e dei sistemi informativi territoriali, dell'economia aziendale e del territorio. È parte integrante del curriculum del laureato la conoscenza delle discipline per la preparazione all'esame di abilitazione all'esercizio della professione di Agronomo Junior. Il Corso dà accesso agli studi di secondo ciclo (laurea magistrale) e ai master universitari di primo livello.

Il Corso è articolato in due percorsi formativi, ciascuno della durata di tre anni. Il primo è relativo al settore agrario; il secondo riguarda i sistemi montani e forestali. Entrambi i curricula prevedono lezioni teoriche e seminari monografici in aula, esercitazioni pratico-applicative in laboratorio e in campo, visite di studio e attività di tirocinio. Le attività formative vengono svolte anche in collaborazione con enti pubblici e privati, imprese, istituti di ricerca e di formazione. Parte dei crediti formativi può essere acquisita presso università straniere, attraverso la partecipazione dello studente alle iniziative Erasmus e ad altri progetti di internazionalizzazione.

Le conoscenze acquisite consentono al laureato in Scienze Agrarie di:
- gestire aspetti produttivi e organizzativi delle aziende agricole e forestali;
- operare nei settori della certificazione e della commercializzazione dei prodotti agroalimentari e forestali (DOP, PEFC, tracciabilità, coltivazione biologica, ecc.);
- svolgere attività di divulgazione, formazione e assistenza tecnica nei settori dell'agricoltura, della ruralità e della gestione forestale;
- svolgere attività di consulenza in aziende private e/o pubbliche;
- esercitare la libera professione di agronomo (nei limiti delle competenze previste dalla normativa).

La produzione primaria rappresenta un settore strategico e insostituibile nel tessuto socio-economico italiano e internazionale, la cui gestione richiede conoscenze che vanno dalla biologia applicata (interazioni piante, animali, ambiente ed esigenze produttive) a elementi tecnico-economici, caratterizzandosi per un approccio tipicamente interdisciplinare.
Il corso si rivolge agli studenti interessati ad applicare conoscenze avanzate di biologia, di economia e di ingegneria alle tematiche peculiari del settore primario.
Obiettivo del Corso di Laurea in Scienze Agrarie è formare una figura in grado di coniugare l'innovazione con l'applicazione nel trasferimento delle conoscenze al mondo produttivo. Durante il percorso di studio di I livello, gli studenti acquisiscono la capacità di applicare le proprie conoscenze all'identificazione, formulazione e risoluzione di problemi legati ai vari ambiti dell'agricoltura, utilizzando metodi già consolidati. I laureati in Scienze Agrarie sono in grado di identificare i problemi relativi al proprio campo di attività, di definirne le caratteristiche specifiche, di esaminare le possibili soluzioni e, infine, di scegliere e applicare le metodologie più appropriate. I laureati acquisiscono la capacità di sviluppare una carriera in ambito agricolo/montano o in aree collegate, utilizzando strumenti e conoscenze. Il Corso fornisce inoltre una preparazione adeguata per affrontare livelli successivi di studio in campi specifici dell'agricoltura.
In particolare, lo studente del Corso di Scienze Agrarie sviluppa:
- conoscenza e capacità di comprensione dei principi dell'agricoltura in termini scientifici, attraverso lo studio dei fondamenti della biologia applicata (sia animale che vegetale) e del sistema pianta-coltura-azienda-territorio;
- percezione della multidisciplinarietà dell'agricoltura;
- capacità di analizzare processi e prodotti dell'agricoltura, anche in contesti specifici di attività;
- conoscenza delle diverse componenti del sistema agrario/montano;
- conoscenza delle tecniche di base e dei processi che regolano una produzione di qualità e rispettosa dell'ambiente;
- competenze necessarie alla scelta e all'utilizzo di metodologie per la gestione delle risorse nei sistemi agrari.
Il Corso di studi è articolato in due curriculum: agrario e montano-forestale, che presentano una preparazione comune relativamente alle discipline di base nei settori della matematica, fisica, chimica e biologia, nonché delle conoscenze relativamente ai problemi generali del settore agrario.
Gli obiettivi formativi sono raggiunti attraverso attività didattiche comprendenti sia lezioni teoriche, che esercitazioni pratico-applicative. Agli studenti viene richiesto un coinvolgimento personale con la predisposizione e presentazione di brevi relazioni o progetti. Il percorso di studio prevede inoltre contatti con diverse componenti delle realtà operative agricolo/montane tramite la partecipazione a seminari e l'opportunità di effettuare tirocini (per il profilo montano, anche residenziali) in strutture del territorio.

  • Profilo Generico
    Funzione in un contesto di lavoro
    Il Corso di studi fornisce le competenze per operare in un'ampia gamma di settori, direttamente ed indirettamente collegati alla produzione primaria, sia nel comparto privato che in quello pubblico.


    Competenze associate alla funzione
    Le competenze acquisite rendono il laureato in grado di:
    - gestire aspetti produttivi e organizzativi delle aziende agricole e forestali;
    - operare nei settori della certificazione e della commercializzazione dei prodotti agroalimentari e forestali (DOP, PEFC, tracciabilità, coltivazione biologica, ecc.);
    - svolgere attività di divulgazione, formazione e assistenza tecnica nei settori dell'agricoltura, della ruralità e della gestione forestale;
    - svolgere attività di consulenza in aziende private o pubbliche;
    - esercitare la libera professione di agronomo (nei limiti delle competenze previste dalla normativa).

    Sbocchi professionali
    Gli sbocchi occupazionali sono riconducibili alle competenze acquisite ed associate alla funzione.


    Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT) 
    Agronomi e forestali - (2.3.1.3.0)