• dmif

    Corso di laurea magistrale

    Informatica
INFORMAZIONI SU

Regolamento dell'esame di laurea

Regolamento esame di laurea dei corsi di laurea magistrale in discipline informatiche (classe LM-18 Informatica)

1.           La prova finale consiste nella discussione pubblica di una tesi. Le tesi sono divise in tre categorie:

  - Tesi compilativa: è un lavoro di rassegna con presentazione critica e bibliografica ragionata; è richiesta la nomina del controrelatore solo su esplicita richiesta del relatore (punteggio massimo attribuibile 4 punti con arrotondamento all'intero più vicino).

  - Tesi sperimentale: lavoro comprensivo di una parte compilativa (vedi sopra) e della documentazione di un lavoro personale del candidato, i cui risultati siano confrontati criticamente con la letteratura; è richiesta la nomina del controrelatore (punteggio massimo attribuibile 8 punti con arrotondamento all'intero più vicino).

  - Tesi di ricerca: lavoro strutturato come per una tesi sperimentale, con contributi originali; è richiesta la nomina del controrelatore ed eventualmente del supervisore (punteggio massimo attribuibile 10 punti con arrotondamento all'intero più vicino). Il supervisore viene nominato, su richiesta del relatore, qualora questi intenda proporre alla Commissione di Laurea un incremento maggiore o uguale a 8 punti. In caso di nomina del supervisore, il candidato dovrà obbligatoriamente esporre il lavoro di tesi in un seminario aperto agli afferenti del dipartimento.

 

2.           La Commissione Tesi di Laurea ha il compito di designare i controrelatori, scegliendoli tra i docenti dei Corsi di studio di area informatica (classi L-31, LM-18) all'interno del raggruppamento della materia della tesi o di un raggruppamento affine, e di designare gli eventuali supervisori tra i docenti all'interno del raggruppamento della materia della tesi o di un raggruppamento affine.

 

3.           I relatori devono essere, al momento dell’assegnazione della tesi, docenti di ruolo o ricercatori a tempo determinato presso l’Università di Udine, o incaricati esterni di insegnamento presso i Corsi di studio di area Informatica (classi L-31, LM-18). L’elaborato si considera assegnato quando il relatore, nel corso della procedura online, porta la tesi in stato “Assegnato”.

 

4.           Per ciascuna tesi la Commissione di Laurea dovrà avere a sua disposizione, al momento della seduta una valutazione scritta del lavoro di tesi da parte di relatore, controrelatore ed eventuale supervisore.

La valutazione scritta del relatore, del controrelatore o del supervisore non è necessaria qualora lo stesso sia membro della Commissione di Laurea.

Il voto finale, espresso in centodecimi, è formato da una votazione di base e da un incremento come previsto dall’Art. 1.

La votazione di base è la media pesata, con decimali, delle votazioni riportate dal candidato nei singoli esami di profitto della Laurea Magistrale e negli esami, se previsti dal suo piano di studi, sostenuti in aggiunta per compensare il debito formativo assegnatogli per l’accesso alla Laurea Magistrale, trasformata poi in centodecimi.

Per il calcolo della media non si tiene conto dei crediti relativi al tirocinio e di tutti quegli esami con credito che non si concludono con una votazione.

 

L'incremento è un numero razionale n, con 0 =< n =< 10,5, determinato dalla Commissione di Laurea in base alla dissertazione ed alla sua presentazione. La Commissione può anche tenere conto del tempo impiegato dallo studente per completare il proprio curriculum di studio. L'eventuale lode deve essere determinata all’unanimità; in ogni caso è da tenere in dovuto conto la presenza di lodi nel curriculum degli esami di profitto.

 

Indicazioni per la stesura del frontespizio della tesi:

Esempio frontespizio in Italiano

Esempio frontespizio in Inglese

Modifiche e integrazioni vanno concordate con il relatore della tesi e, nel caso del Double Degree Program, con il docente di riferimento dell’Università di Udine.