• dill

    Corso di laurea magistrale

    Lingue e letterature europee ed extraeuropee
INFORMAZIONI SU

Obiettivi e sbocchi professionali

Di seguito sono riportati gli obiettivi formativi specifici, gli sbocchi professionali e una breve descrizione del progetto formativo del corso di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee (classe LM-37) per un approfondimento consulta la sezione “Qualità della formazione” dal menu qui accanto.

I contenuti di questa pagina sono tratti dalla Scheda Unica Annuale del corso di studio che è il principale strumento conoscitivo delle caratteristiche e delle specificità del corso. La versione completa è disponibile sul sito https://www.universitaly.it/index.php/cercacorsi/universita 

A partire dall’A.A. 2022/2023, il corso di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee (LM-37) offrirà la possibilità di scegliere tra 11 lingue. Accanto a quelle dell'Europa centrale più studiate (inglese, francese, tedesco, spagnolo), troviamo le lingue di paesi dell'Europa centro-orientale (ceco, russo, serbo e croato, polacco, romeno, sloveno e ungherese). All'interno del percorso formativo, che prevede un congruo numero di crediti formativi per le due lingue di studio, le letterature e le letterature affini, il laureato potrà, con scelta autonoma all'interno di gruppi di insegnamenti presenti nel percorso, approfondire la dimensione critico-letteraria e artistica o quella linguistica-filologica. Al termine del suo percorso, i laureati disporranno di conoscenze avanzate di storia della civiltà letteraria europea e/o extraeuropea nelle sue diverse dimensioni (estetiche, culturali, storiche), avranno una sicura competenza in due lingue e civiltà straniere e la padronanza degli strumenti metodologici fondamentali della ricerca scientifica in ambito letterario e filologico-linguistico. All'interno del corso di laurea magistrale, è attivato per gli studenti che scelgono la lingua tedesca, un Curriculum in letteratura e cultura austriaca. Organizzato in collaborazione con l'Università di Klagenfurt, il curriculum, unico in Europa per profilo e obiettivi formativi, prevede un anno di studi a Udine e un anno di studi a Klagenfurt, con il conferimento di un secondo titolo in Austria, equipollente alla laurea magistrale italiana. Il curriculum si articola in un piano di studi per gli studenti di Klagenfurt in mobilità a Udine e in un piano di studi per gli studenti di Udine in mobilità a Klagenfurt: fornisce conoscenze avanzate della civiltà austriaca in un orizzonte comparatistico e storico-culturale, accompagnate da una sicura padronanza della lingua tedesca. Durante l'anno di permanenza a Klagenfurt per gli studenti italiani sono previsti tirocini presso istituti di ricerca e case editrici.

Il corso di laurea magistrale in Lingue e Letterature europee ed extraeuropee, tenendo in debita considerazione le variegate esigenze in movimento nella società odierna, offre proficui risultati anche in termini di sbocchi occupazionali. Posta una esigenza diffusa di nuove professionalità a livello di relazioni plurilingui e interculturali sia nel settore pubblico sia nel settore privato, imposte dai processi di globalizzazione economica, culturale e istituzionale, il corso di laurea magistrale rappresenta un percorso di studi al termine del quale il laureato magistrale disporrà, oltre che di una competenza elevata in due lingue, di conoscenze approfondite delle tematiche letterarie, culturali e storiche relative alle aree geografiche delle lingue studiate e, più in generale, delle società e dei sistemi internazionali.

La caratterizzazione del Corso di Studio è ancora valida perché è indubbio che, nell'attuale processo di crescente globalizzazione sociale, economica ed istituzionale, sia necessaria una laurea magistrale che offra una formazione plurilingue e interculturale, nella quale i due aspetti siano pienamente equilibrati e intrecciati. È corretto prevedere un percorso di studi al termine del quale il laureato disponga della padronanza degli strumenti metodologici fondamentali della ricerca scientifica in ambito letterario e filologico-linguistico, di una elevata competenza in due lingue, ma anche di conoscenze approfondite di temi letterari, culturali e storici relativi alle aree geografiche delle lingue studiate.

Sono numerose e diversificate le attività messe in campo dal Corso di studio, atte ad arricchire l'offerta formativa del corso. Sono offerti due 'Academic writing workshops' in lingua inglese per il supporto alla stesura della tesi di laurea; il seminario di 'Anglistica di partnership' e il progetto 'Narrazione in lingua inglese L2 per bambini e adolescenti in contesti informali di acquisizione (NIL2)', finanziato dalla Regione Friuli Venezia-Giulia, che studia la narrazione in lingua seconda in contesti informali e laboratoriali, in collaborazione con la Biblioteca Civica 'V. Joppi' di Udine e le biblioteche circoscrizionali di Udine. Dall'A.A. 2018-2019, il CdS è divenuto partner del programma internazionale di tele-collaborazione 'Soliya: Virtual Exchange Erasmus +' (https://www.soliya.net), che offre un'ottima esperienza interculturale e linguistica agli studenti della LM-37.

Allo scopo di arricchire e specializzare l’offerta formativa e aumentare l’attrattività del corso, in accordo con la prevalente tendenza dei laureati a intraprendere la carriera della docenza nella scuola media superiore di I e II grado, per l’a.a. 2022/2023 il CdS ha inserito nel piano di studio insegnamenti di ambito glottodidattico, linguistico, psicologico, storico, fondamentali per la formazione dei futuri insegnanti.

Al termine del loro ciclo di studi i laureati in Lingue e letterature europee ed extraeuropee disporranno di conoscenze avanzate di storia della civiltà letteraria europea e/o extraeuropea nelle sue diverse dimensioni (estetiche, culturali,storiche). Avranno una sicura competenza in due lingue e civiltà straniere e la padronanza degli strumenti metodologici fondamentali della ricerca scientifica in ambito letterario o filologico-linguistico.

Relativamente agli obiettivi formativi specifici, oltre a quelli previsti dalla legge per la Classe di Laurea Magistrale 37, i laureati sapranno:

- Comunicare nelle lingue studiate ad un livello C1/C2 (la differenziazione varia alla luce delle opzioni linguistiche) del Quadro Comune Europeo di Riferimento.
- Articolare, nelle lingue di riferimento, un discorso critico-letterario operando i necessari legami con il contesto culturale e dimostrando autonomia di analisi e di giudizio.
- Progettare e organizzare reti comunicative di enti, istituzioni e aziende che operino negli ambiti specifici delle lingue, delle culture e delle letterature.
- Far dialogare sistemi di riferimento linguistico-culturale, armonizzando dinamiche interpersonali e interculturali originate da situazioni di differenza' etnica, linguistica, culturale, attraverso attività correlate alla capacità di espressione e condivisione di idee, motivazioni, progetti.
- Ideare e attuare piani di lavoro innovativi, intervenendo nell'articolazione dei sistemi di comunicazione nell'ambito delle letterature e delle culture straniere con un approccio versatile e interdisciplinare.
- Sviluppare un metodo di lavoro autonomo e critico anche in contesti nuovi e anche aggiornare in modo autodiretto le proprie competenze disciplinari.

Gli insegnamenti delle lingue e delle letterature francese, inglese, spagnola e tedesca si sono sviluppati attraverso lo studio e la ricerca nelle aree linguistico-culturali
-pluricentriche', cioè le lingue e letterature di area -affine' come quelle di lingua inglese (australiana, canadese, indiana, sudafricana, caraibica), francese (canadese, caraibica, africana, maghrebina, dell'Oceano Indiano), spagnola (letterature ispano-americane), tedesca (letteratura austriaca). Nell'ambito delle discipline impartite e dei centri di ricerca istituiti dalla Facoltà e dall'Ateneo (il Centro Internazionale sul Plurilinguismo, il Centro di Cultura Canadese, il Centro Internazionale di Alti Studi Latino-Americani, il Centro Internazionale sulle Letterature Migranti) sono state attivate numerose convenzioni con atenei dislocati in Europa e nel mondo che offrono ai nostri studenti la possibilità di fruire di periodi di studio all'estero con il conseguente riconoscimento degli esami sostenuti all'interno di un percorso formativo internazionale di elevata qualità.

All'interno del percorso formativo che prevede un congruo numero di crediti formativi per le due lingue di studio, le letterature e le letterature affini, il laureato potrà, con scelta autonoma all'interno di gruppi di insegnamenti presenti nel percorso, approfondire la dimensione critico-letteraria e artistica o quella linguistica-filologica.

All'interno del corso di laurea magistrale, è attivato per gli studenti che scelgono la lingua tedesca, un Curriculum in letteratura austriaca. Organizzato in collaborazione con l'Università di Klagenfurt e regolato da un'apposita convenzione tra i due atenei, il curriculum - unico in Europa per profilo e obiettivi formativi - prevede obbligatoriamente un anno di studi a Udine e un anno di studi a Klagenfurt, con il conferimento di un secondo titolo in Austria, equipollente alla laurea magistrale italiana. Il curriculum si articola al suo interno in un piano di studi per gli studenti di Klagenfurt in mobilità a Udine e in un piano di studi per gli studenti di Udine in mobilità a Klagenfurt. Il curriculum fornisce conoscenze avanzate della civiltà austriaca in un orizzonte comparatistico e storico culturale, accompagnate da una sicura padronanza della lingua tedesca. Durante l'anno di permanenza a Klagenfurt per gli studenti italiani sono previsti stages e tirocini presso istituti di ricerca e case editrici, che permettono di inserirsi nell'ambiente lavorativo dell'altro paese

Il corso di laurea magistrale in Lingue e Letterature europee ed extraeuropee, tenendo in debita considerazione le variegate esigenze in movimento nella società odierna, offre proficui risultati anche in termini di sbocchi occupazionali. Posta una esigenza diffusa di nuove professionalità a livello di relazioni plurilingui e interculturali sia nel settore pubblico sia nel settore privato, imposte dai processi di globalizzazione economica, culturale e istituzionale, il corso di laurea magistrale internazionale rappresenta un percorso di studi al termine del quale il laureato magistrale disporrà, oltre che di una competenza elevata in due lingue, di conoscenze approfondite delle tematiche letterarie, culturali e storiche relative alle aree geografiche delle lingue studiate e, più in generale, delle società e dei sistemi internazionali.

Funzione in un contesto di lavoro
I laureati del corso magistrale potranno assumere ruoli professionali e svolgere le relative funzioni in vari ambiti occupazionali, ove sia rilevante pianificare, organizzare, gestire e verificare in modo coordinato con altri ruoli professionali eventi, progetti culturali, percorsi didattici; svolgere attività di istruzione in Italia e all'estero; svolgere qualificate attività professionali nei settori dei servizi culturali, del giornalismo, della radio-televisione, dell'editoria e nelle istituzioni culturali in Italia e all'estero. La solida conoscenza delle lingue straniere e dei relativi contesti culturali è un requisito cruciale che, unito a una adeguata padronanza delle più comuni risorse informatiche e delle tecniche di ricerca in rete, rende il laureato magistrale capace di stabilire relazioni e di costruire una rete di contatti e di comprendere i bisogni precipui del committente/cliente. L'acquisizione di un metodo nell'indagine linguistica e culturale volto a saper scegliere con cura l'ampia messe di informazioni a disposizione, verificandone l'effettiva utilità e autenticità, affiancata da una sapiente cura nella presentazione dei risultati degli obiettivi, è da considerarsi un ulteriore requisito indispensabile ai differenziati ruoli che il laureato può coprire.


Competenze associate alla funzione
Il Corso prepara figure professionali le cui competenze possano essere messe a disposizione di enti e organizzazioni pubblici e privati, in qualità di funzionari di elevata competenza, quali gli istituti di cultura italiani all'estero, gli istituti di cultura stranieri in Italia, e presso gli organismi regionali, nazionali e internazionali preposti all'organizzazione e divulgazione della cultura e alla cooperazione sociale tra i vari paesi. Il laureato magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee potrà altresì esercitare funzioni di elevata responsabilità, in qualità di dipendente o libero professionista (redattore, adattatore di testi, consulente e operatore linguistico), nel campo della formazione permanente ovvero presso case editrici e i media (divulgazione artistica e scientifica), presso aziende di servizi editoriali, redazioni giornalistiche, televisive e agenzie pubblicitarie, uffici stampa e comunicazione di aziende qualificate.


Sbocchi professionali
Il corso, oltre a consentire un vantaggioso inserimento nel mondo del lavoro, fornisce una consapevolezza critica e una autonomia che consentono al laureato magistrale di far valere le proprie conoscenze linguistiche, letterarie e culturali nel proseguimento degli studi in un corso di livello superiore (Master di II livello, dottorato, scuola di specializzazione, ecc.). I laureati possono prevedere come occupazione la docenza nelle scuole, una volta completato il processo di abilitazione all'insegnamento e superati i concorsi previsti dalla normativa vigente.

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT) 

  • Redattori di testi per la pubblicità - (2.5.4.1.3)
  • Redattori di testi tecnici - (2.5.4.1.4)
  • Revisori di testi - (2.5.4.4.2)
  • Insegnanti di lingue - (2.6.5.5.5)